chi siamoproggetti e attivitąpubblicazionimappa

cerca
  progetti ed eventi / progenerale /convegno OCSEL

 

Convegno OCSEL

 

È stato presentato il 1° Rapporto Cisl sulla Contrattazione di Secondo Livello (OCSEL), un'analisi ampia ed approfondita degli accordi siglati e dell'evoluzione della contrattazione di secondo livello dal 2009 ad oggi, realizzato dalla Cisl sulla base dei dati raccolti dal suo Osservatorio della contrattazione di secondo livello (Ocsel).

Ai lavori hanno partecipato  numerosi segretari e dirigenti di Federazioni di Categoria e di USR ed i coordinatori di OCSEL. Hanno, inoltre, portato il proprio contributo  il Presidente del CESOS e l’ Amministratore Unico dello IAL in quanto istituti partners della CISL per OCSEL.

 

Abstract

Tra il 2009 e 2011, l'istituto contrattuale più trattato resta il salario, presente nel 48% degli accordi di secondo livello mentre appare in leggero regresso nel 2011. Se confrontiamo il dato sul salario con il dato relativo al welfare notiamo come quest'ultimo è indicativo di una tendenza, in tempi di crisi cala la contrattazione del salario a favore di prestazioni sociali e sanitarie che costano meno alle aziende e sono apprezzate dai lavoratori a fronte di prestazioni pubbliche ridotte". Così il Segretario confederale della Cisl Luigi Sbarra, responsabile del settore Industria, circa quanto emerso dal report. "Inoltre sono in netto aumento nel triennio - ha sottolineato Sbarra - gli accordi aziendali che affrontano casi di crisi, di ristrutturazione e di ricorso agli ammortizzatori sociali. Nell'anno in corso, da una prima elaborazione dei dati è evidente un trend in forte aumento degli accordi di ristrutturazione e crisi aziendali, che arrivano al 54%, rispetto al 39% del 2011".

L'orario e i diritti sindacali sono presenti nel 22% degli accordi, il welfare nel 18%- si legge ancora nel Rapporto- Nella gestione delle crisi e' la cassa integrazione guadagni la voce piu' contrattata (68%), seguita dalle sospensioni temporanee di attivita' (26%), dal ricorso alla mobilita' (17%) e dalla riduzione di organici (9%). Ancora basso, invece, il ricorso ai contratti di solidarieta' (7%).

Analizzando i dati per settore emerge che la maggior parte degli accordi presenti nel data base, fa capo a quelli stipulati nel settore metalmeccanico (20%), seguiti dall'amministrzione pubblica (11,2%), dal settore tessile (10,9%), chimico (10,3%),

Progetto Ocsel

Scarica Report

powered by Officine Multimediali®